Diocesi di Termoli Larino

La storia dell’uomo è caratterizzata da una costante mobilità di singoli, di gruppi, talvolta di interi popoli, da una regione  all’altra della terra, alla ricerca di migliori condizioni di vita.
Se quella economica fu la causa prima dei movimenti migratori, accanto ad essa altre ragioni diedero impulso al fenomeno: guerre, conflitti sociali, intolleranza religiosa.

Dalla diaspora del popolo ebraico, conseguente alla conquista romana della Palestina, fino al dramma recente dei popoli curdo, vietnamita, tamil, eritreo: la storia del genere umano è segnata da questi dolorosi spostamenti collettivi.
Nel II° millennio a. C. i due fenomeni migratori più importanti sono legati a due gruppi etnicolinguistici: i semiti e gli indoeuropei. I primi, provenienti forse dalla penisola arabica, penetrarono in Mesopotamia imponendosi alle popolazioni sumeriche.



Da allora in poi l' elemento semita prevarrà nel Vicino Oriente dando origine anche alle lingue della zona.
Gli Indoeuropei provenienti dalle steppe danubiane si sovrapposero e si mescolarono alle  popolazioni indigene dell’Europa centrale e meridionale, dando origine a grandi civiltà come quella greca.

Anche il Medioevo vide imponenti ondate migratorie che, dal Nord Europa e da diverse regioni asiatiche, si spinsero verso le terre più fertili del Continente e che per alcuni secoli provocarono conflitti anche cruenti con le
popolazioni locali.

Più tardi gli Arabi si spinsero fino alla penisola iberica, occupandola per alcuni secoli quasi  completamente.
Dalla seconda metà del secolo XIV i Turchi entrarono in Europa riuscendo ad arrivare fino a Vienna -
Nel II° millennio a. C. i due fenomeni migratori
più importanti sono legati a due gruppi etnicolinguistici:
i semiti e gli indoeuropei. I primi,
provenienti forse dalla penisola arabica,
penetrarono in Mesopotamia imponendosi alle
popolazioni sumeriche. Da allora in poi
l' elemento semita prevarrà nel Vicino Oriente
dando origine anche alle lingue della zona.
Gli Indoeuropei
provenienti dalle
steppe danubiane si
sovrapposero e si
mescolarono alle
popolazioni indigene
dell’Europa centrale
e meridionale,
dando origine a
grandi civiltà come
quella greca.
Anche il Medioevo
vide imponenti ondate
migratorie che,
dal Nord Europa e
da diverse regioni
asiatiche, si
spinsero verso le
terre più fertili del
Continente e che
per alcuni secoli
provocarono conflitti
anche cruenti con le
popolazioni locali.
Più tardi gli Arabi si
spinsero fino alla
penisola iberica,
occupandola per
alcuni secoli quasi
completamente.
Dalla seconda metà
del secolo XIV i
Turchi entrarono in
Europa riuscendo
ad arrivare fino a
Vienna - See more at: http://www.diocesitermolilarino.it/content/441/fenomenio-migratori.html#sthash.2L1gX3yK.dpuf

Nel II° millennio a. C. i due fenomeni migratori
più importanti sono legati a due gruppi etnicolinguistici:
i semiti e gli indoeuropei. I primi,
provenienti forse dalla penisola arabica,
penetrarono in Mesopotamia imponendosi alle
popolazioni sumeriche. Da allora in poi
l' elemento semita prevarrà nel Vicino Oriente
dando origine anche alle lingue della zona.
Gli Indoeuropei
provenienti dalle
steppe danubiane si
sovrapposero e si
mescolarono alle
popolazioni indigene
dell’Europa centrale
e meridionale,
dando origine a
grandi civiltà come
quella greca.
Anche il Medioevo
vide imponenti ondate
migratorie che,
dal Nord Europa e
da diverse regioni
asiatiche, si
spinsero verso le
terre più fertili del
Continente e che
per alcuni secoli
provocarono conflitti
anche cruenti con le
popolazioni locali.
Più tardi gli Arabi si
spinsero fino alla
penisola iberica,
occupandola per
alcuni secoli quasi
completamente.
Dalla seconda metà
del secolo XIV i
Turchi entrarono in
Europa riuscendo
ad arrivare fino a
Vienna - See more at: http://www.diocesitermolilarino.it/content/441/fenomenio-migratori.html#sthash.2L1gX3yK.dpuf
Nel II° millennio a. C. i due fenomeni migratori
più importanti sono legati a due gruppi etnicolinguistici:
i semiti e gli indoeuropei. I primi,
provenienti forse dalla penisola arabica,
penetrarono in Mesopotamia imponendosi alle
popolazioni sumeriche. Da allora in poi
l' elemento semita prevarrà nel Vicino Oriente
dando origine anche alle lingue della zona.
Gli Indoeuropei
provenienti dalle
steppe danubiane si
sovrapposero e si
mescolarono alle
popolazioni indigene
dell’Europa centrale
e meridionale,
dando origine a
grandi civiltà come
quella greca.
Anche il Medioevo
vide imponenti ondate
migratorie che,
dal Nord Europa e
da diverse regioni
asiatiche, si
spinsero verso le
terre più fertili del
Continente e che
per alcuni secoli
provocarono conflitti
anche cruenti con le
popolazioni locali.
Più tardi gli Arabi si
spinsero fino alla
penisola iberica,
occupandola per
alcuni secoli quasi
completamente.
Dalla seconda metà
del secolo XIV i
Turchi entrarono in
Europa riuscendo
ad arrivare fino a
Vienna - See more at: http://www.diocesitermolilarino.it/content/441/fenomenio-migratori.html#sthash.2L1gX3yK.dpuf