Diocesi di Termoli Larino

Il progetto del Centro di Aiuto Famiglia “A SCUOLA FRA EDUCAZIONE E COMUNICAZIONE”, in collaborazione con la Caritas Diocesana ha avviato e terminato la sua prima fase fra dicembre e febbraio.

Sono state coinvolte 10 scuole di ogni ordine e grado del nostro territorio: 5 scuole di Termoli, 2 di Larino, Petacciato, Montenero e Santa Croce.

Dopo il primo approccio e l’incontro con i dirigenti delle scuole si è svolto un primo incontro con docenti e genitori in orari pomeridiani fra gennaio e febbraio.

Il responsabile del C.d.A.F. ha presentato il progetto e le sue novità per il triennio 2016-19 con la visione di slide esplicative. La novità principale è l’invito e la possibilità di aprire sportelli d’ascolto in ogni scuola per due ore settimanali.

La Caritas diocesana, che sostiene il progetto, ha voluto che l’intervento nelle scuole si rivolgesse principalmente a docenti e genitori e che avesse come priorità le relazioni di aiuto, venendo incontro alle problematiche relazionali fra genitori come coppia, genitori e ragazzi, fra docenti e alunni.

La psicologa, nel suo intervento, ha illustrato la tematica del progetto. L’educazione a casa e a scuola passa oggi attraverso le relazioni buone e la comunicazione efficace. Famiglia e scuola devono interagire per uno scopo importante: il benessere dei figli.

Saper ascoltare, saper comunicare oggi è importantissimo e la psicologia ci aiuta ad apprendere le tecniche e le nuove metodologie relazionali.

Bello e condiviso l’intervento sugli stili genitoriali,  sui quali molti genitori si sono confrontati.

Crescere e seguire i ragazzi è compito arduo e difficile, ma su questo si scommette per un domani migliore per la scuola e la società. La relazione della psicologa ha suscitato grande interesse in ogni scuola e il feedback che ne è seguito è stato interessante..

Dopo questo primo incontro si sono avviati gli sportelli d’ascolto, con un proprio regolamento, tempi e modalità concordate fra la dirigenza, il docente, la coppia referente e la psicologa; tutto ciò sta già suscitando interesse sempre crescente.

Ci auguriamo che sempre più cresca il desiderio di prevenzione e di attenzione all’educazione e alla comunicazione dei nostri alunni e figli, per il benessere e la crescita umana della società in cui viviamo.

Scopo della scuola e della famiglia oggi è per il dott. Aceti: "Fare luce sull’umano nella società in cui viviamo, rivalutando ampiamente le relazioni”.

                                                                              I Responsabili del CdAF
                                                                     Anna  Bernardi  e  Vito  Chimienti

pubblicata in data