Diocesi di Termoli Larino

La Diocesi di Termoli-Larino ha celebrato, domenica 11 febbraio,la Giornata Mondiale del Malato  presso la Parrocchia Santa Maria la Nova di Palata.
La Santa Messa, molto sentita e partecipata, è stata officiata  da Sua Eccellenza Monsignor Gianfranco De Luca e concelebrata dal parroco Don Elio Benedetto.

La Chiesa era gremita e i banchi pieni di volontari e malati di tutte le associazioni più celebri, che hanno accolto l’invito della Diocesi: U.N.I.T.A.L.S.I.,  A.R.C.A., MISERICORDIA , A.V.O.

Si può solo immaginare la bellezza esperienziale che vivono i numerosi volontari che, come ha ricordato il Vescovo nell’Omelia, offrono il loro servizio alla Chiesa, ai malati e di conseguenza a Gesù. In questa occasioneil tema scelto da Papa Francesco per la giornata del malato 2018 è: Mater Ecclesia”; parole che Gesù rivolge sulla croce alla Madre: “Ecco tuo figlio…Ecco tua Madre”. E da quell’ora il discepolo l’accolse lo accolse con sé”.Ed in queste parole che si trova il mistero e il senso della Croce.

Il Vescovo ha esortato dicendo che la Croce è presente nelle tante persone malate nel corpo e nello spirito e il servizio amorevole e caritatevole dei volontari verso  le persone bisognose e i malati si concretizza in tutte le iniziative volte a loro favore, affinchè si sentano parte attiva e integrante della comunità; rappresentano il collante che tengono ferma la dignità della persona, che altrimenti sarebbe impotente di agire ed essere, di provare emozioni e far sentire la propria presenza.

Una celebrazione davvero molto intima in cui il parroco Don Elio Benedetto, in qualità anche di Assistente dell’Unitalsi, si è sentito particolarmente vicino a Sua Eccellenza e a tutte le associazioni presenti che ha ringraziato per il lavoro magistrale che svolgono quotidianamente e instancabilmente.

Dopo la celebrazione della Messa tutte le associazioni e i malati sono stati ospiti, a pranzo, al Centro Sacro Cuore che il Parroco Don Elio ha messo a totale disponibilità dei malati e dei volontari La giornata meravigliosa si è conclusa con la festa di Carnevale animata dai malati, che con maschere,balli,canti di ogni genere hanno esternato tutta la voglia di fare festa nella gioia di un momento così esaltante della loro vicenda personale, pur contrassegnata da sofferenza e fatica del vivere quotidiano. 

                                                                                           
                                                                                                             Gianpio Sante Mileti
pubblicata in data