Diocesi di Termoli Larino

Quest’anno la Giornata di preghiera  e digiuno in memoria dei missionari martiri che vivremo il prossimo 24  marzo 2018 e che ha come slogan “CHIAMATI ALLA VITA”,  focalizzerà l’attenzione di tutti sulla situazione drammatica che da troppi anni ormai vive il Centrafrica,  sicuramente nella regione di BENGASSOU, ma anche  in altri paesi limitrofi, come ad esempio BERBERATI dove vive e opera incessantemente  Sr. Elvira Tutolo.

Originaria di Termoli, ma da 25 anni  missionaria in Centrafrica, Sr. Elvira ha realizzato, tra l’altro,  con  alcuni volontari, molti dei quali giovani coppie di sposi,  un Centro Culturale e svolge  con loro un servizio per il recupero, ma soprattutto per la  rinascita  dei bambini di strada, i Kizito, dei quali abbiamo potuto riferire in precedenti articoli.
L’abbiamo contattata perché raccontasse brevemente la sua esperienza.

Conosco personalmente il Vescovo di Bengassou, ha scritto Sr. Elvira,  e conosco bene tutta la situazione perche dal 2012 la vivo sulla mia pelle,nel mio cuore e ne porto le ferite mie e di tanti fratelli.

L’ 80 %  del Paese e' ancora nelle mani di gruppi armati.  Anche a Berberati  abbiamo vissuto situazioni drammatiche con  conseguenze  simili a quelle di cui  si parla nell'articolo.
 Lunedi scorso c'e stato su TV 2000 il programma Touday fatto molto bene. Io stessa sono stata aggredita,mi hanno ucciso figli ( Kizito),  distrutto famiglie. Sarebbe troppo lungo raccontare.
In un villaggio vicino Bossangoa è avvenuta una violenza di massa: delle donne stavano insieme lavando i panni, uomini armati ne hanno preso 14, le hanno portate nella foresta per cinque giorni, poi rilasciate. Una testimonianza terribile……. i Medici Senza Frontiere le stanno curando.

Con l'ONG KIZITO ora mi occupo di bambini, ragazze, ragazzi e  giovani ex combattenti per aiutarli a superate i traumi subiti. Un lavoro molto difficile.  Ci proviamo.
 Un ragazzo la settimana scorsa mi dice:  ... maman pour loi c'est moins grave...moi j'ai tue' seulement 4 personnes...maman moi je devais obéir a min chef...je n'ai pas tue' mais j'avais la charge de faire en morceaux les cadavres...

Tante ragazze sono state violentate durante i combattimenti.

 Alcune testimonianze dei ragazzi :

 “ ......Io ero vicino casa quando sono arrivati....hanno preso mamma e papà e li hanno uccisi sotto i miei occhi....non ho potuto sopportare questo, allora sono entrata nella banda Armata  per vendicarmi...”
 “hanno incendiato il mio villaggio ...io sono riuscito a fuggire....”
 “....nel villaggio hanno preso tutte le nostre mamma soprattutto quelle che erano incinte......... è  stato terribile...”
 “ era un mattino sono arrivati ci hanno caricati noi ragazzi su un camion...poi arrivati a Bangui ci hanno tenuti chiusi in un cantainer  senza mangiare, senza bere...ho visto morire tutti i miei compagni...non potevo più resistere, ho cominciato a dare calci sulle pareti del container...Un seleka mi ha aperto finalmente...ha detto che aveva bisogno delle sigarette...mi ha inviato a comprarle  e  io sono fuggito....”

Accogliamo i ragazzi al centro KIZITO: molto ascolto individuale e sessioni di gruppo. La notte  i primi tempi urlavano...ora comincia ad andar meglio; devono ritrovare un senso da dare alla loro vita. Seguiamo il metodo della Logoterapia di ViKtor Frankl.  Per aiutarli  ho dovuto seguire io stessa quattro mesi di terapia a Bologna.
Erano minori nel 2012/13, ora sono passati 5 anni e la situazione non migliora; occorre riportarli a scuola, molti non hanno mai frequentato. Non hanno gli Atti di Nascita, li stiamo preparando, devono cominciare ad intraprendere attivita' di reddito. Insomma il lavoro e' delicato e noi dell’ ONG KIZITO non siamo sostenuti  dal Governo. Facciamo tantissimo  con i "pochi" comunque "grandi" sostegni dall'italia.
 

 

pubblicata in data