Diocesi di Termoli Larino

Venerdì  11 maggio 2018  vivremo la Festa di S. Timoteo, discepolo dell’Apostolo Paolo  “suo vero figlio nella fede” (cfr Tim. 1, 2) e Compatrono  della Diocesi e della Città di Termoli,  nel 73° anniversario del rinvenimento delle reliquie  avvenuto,   l’ 11 maggio 1945, nella Cattedrale di Termoli, dove “riposava “ dal 1239.

Leggiamo nella locandina ( a cura della Parrocchia di San Timoeo) di presentazione della Festa :

“Era il 1239 quando, come ci racconta il documento lapideo rinvenuto sul loculo, il venerabile Stefano, Vescovo di Termoli, insieme col capitolo, ha  “nascosto” nel grembo della Cattedrale, il Corpo di San Timoteo “discepolo dell’apostolo Paolo”.

Dopo aver vissuto il Triduo in onore del Santo, la comunità termolese e diocesana, parteciperà venerdì 11 maggio  al solenne Pontificale presieduto da S. Em. Cardinale João Braz de Aviz, con il Vescovo, Gianfranco De Luca, il parroco di San Timoteo, don Benito Giorgetta e i sacerdoti della comunità diocesana.

Il Cardinale João Braz de Aviz sarà a Termoli proprio in occasione dei solenni festeggiamenti in onore di S. Timoteo
.
“Accogliamo con grande gioia e profonda emozione – ha affermato mons. De Luca - la visita del Cardinale João Braz de Aviz in un momento molto significativo per la città e la nostra Diocesi quale la festa di San Timoteo, discepolo dell'Apostolo Paolo e considerato come l'apostolo delle genti. Proprio il suo carisma, la solida esperienza e l'impegno nel servizio accanto agli ultimi e ai giovani dimostrati con una significativa opera di ascolto nel corso del ministero pastorale in Brasile e non solo si inseriscono nell'idea e nell'invito di “Chiesa in uscita” così cari a Papa Francesco. Inoltre, il suo contributo nelle varie iniziative dedicate alle nuove generazioni diventa motivo di confronto in vista del prossimo Sinodo dei vescovi e occasione di dialogo su questi temi. Il suo ruolo di Prefetto della Congregazione per gli Istituti di vita consacrata e le Società di vita apostolica ci invita altresì a condividere uno spirito di comunione e fraternità rinnovando il senso di partecipazione e di confronto nell'opera di servizio di tutte le realtà presenti sul territorio della nostra Diocesi”.

Di seguito si riporta la scheda biografica presente sul sito ufficiale della Santa Sede:

“Il Cardinale João Braz de Aviz, Prefetto della Congregazione per gli Istituti di vita consacrata e le Società di vita apostolica, è nato a Mafra, in diocesi di Joinville, nel sud del Brasile, il 24 aprile 1947. La spiritualità dell’unità del movimento dei Focolari, di cui è membro e che è diventato per lui come una «nuova famiglia», lo ha affascinato sin da adolescente, tanto che grazie a questa ha maturato la decisione di diventare sacerdote. Nel 1958 è entrato nel seminario minore del Pontificio Istituto Missioni Estere (Pime) ad Assis, nello Stato di San Paolo, dove è rimasto fino al 1964. Poi, sempre accompagnato dal movimento, è passato al seminario maggiore Rainha dos Apóstolos di Curitiba e quindi ha frequentato la facoltà di Palmas.
Dai superiori è stato inviato a Roma per completare gli studi teologici presso la Pontificia Università Gregoriana, dove ha conseguito la licenza, e presso la Pontificia Università Lateranense, dove nel 1992 si è laureato in teologia dogmatica.
Intanto, il 26 novembre 1972 è stato ordinato sacerdote dal vescovo di Apucarana, monsignor Romeu Alberti, ed è stato incardinato nella stessa diocesi, dove ha svolto servizio pastorale in varie parrocchie. È stato poi nominato rettore dei seminari maggiori di Apucarana e di Londrina, e ha insegnato teologia dogmatica all’Istituto teologico Paolo VI di Londrina. In diocesi di Apucarana è stato membro del consiglio presbiterale e del collegio dei consultori, oltre che coordinatore generale della pastorale diocesana.
Il 6 aprile 1994 Giovanni Paolo II lo ha nominato ausiliare della diocesi di Vitória, assegnandogli la sede titolare vescovile di Flenucleta. Il 31 maggio seguente ha ricevuto l’ordinazione episcopale dal vescovo Domingos Gabriel Wisniewski. Il 12 agosto 1998 è stato trasferito a Ponta Grossa. Il 17 luglio 2002 è stato promosso alla sede arcivescovile di Maringá, dove è rimasto poco più di un anno.
Il 28 gennaio 2004 è stato nominato arcivescovo di Brasília, la capitale dell’immenso Paese. 
La sua permanenza in diverse diocesi del Brasile è stata caratterizzata dalla ricerca dell’unità dei carismi, delle comunità, delle associazioni, come risposta agli orientamenti offerti da Giovanni Paolo II nella lettera apostolica Novo millennio ineunte. In particolare, il suo governo pastorale a Brasília è stato segnato dall’impegno accanto alla gente. L’atteggiamento di ascolto e di attenzione è testimoniato, tra l’altro, dalle numerose visite compiute nelle parrocchie, dalla partecipazione attiva alle riunioni vicariali, dalle iniziative promosse soprattutto per i giovani. Nel maggio del 2010 ha organizzato il XVI Congresso eucaristico nazionale, in coincidenza con il cinquantesimo anniversario dell’arcidiocesi e della città di Brasília.
Il 4 gennaio 2011 è stato nominato da Benedetto XVI Prefetto della Congregazione per gli Istituti di vita consacrata e le Società di vita apostolica. Anche alla guida del dicastero per i consacrati, il suo stile non è cambiato. In un primo momento ha avviato un profondo rapporto di comunione con l’arcivescovo redentorista Joseph Tobin, che già da alcuni mesi svolgeva il suo servizio di segretario del dicastero. L’esperienza di monsignor Tobin, per molti anni superiore generale del suo istituto e in rapporto con gli organismi di coordinamento della vita consacrata a Roma, gli è stata di molto aiuto soprattutto in questa fase iniziale. L’amore alla Chiesa e specialmente alla persona del Papa, insieme all’esperienza e alla competenza dei collaboratori nei vari uffici, hanno aggiunto un ulteriore prezioso contributo alla vita della Congregazione in questo anno. Le numerose visite alle case generalizie, ai capitoli generali e a singole comunità, insieme ad alcuni viaggi realizzati in Europa e in Africa, gli hanno permesso di instaurare un rapporto diretto con tante famiglie religiose, con l’effetto di stabilire la fiducia reciproca e un clima di dialogo e di trasparenza, anche in situazioni di difficoltà e tensioni.
Il 29 marzo 2014 Papa Francesco lo ha confermato Prefetto della Congregazione per gli Istituti di vita consacrata e le Società di vita apostolica.
Ha partecipato al conclave del marzo 2013 che ha eletto Papa Francesco.
Da Benedetto XVI creato e pubblicato Cardinale nel Concistoro del 18 febbraio 2012, della Diaconia di Sant’Elena fuori Porta Prenestina.
È membro: delle Congregazioni: per il Clero; per l'Educazione Cattolica; per i Vescovi; del  Pontificio Comitato per i Congressi Eucaristici Internazionali”.


IN ALLEGATO, IL PROGRAMMA DELLA FESTA

 


pubblicata in data