Diocesi di Termoli Larino

Tracciare un primo punto della situazione e individuare le priorità di intervento sul territorio in seguito agli eventi sismici che hanno interessato diversi Comuni del Basso Molise.
È stato questo l'obiettivo dell'incontro che il Vescovo della Diocesi di Termoli-Larino, Gianfranco De Luca, e i membri della Curia hanno tenuto nella “Casa di Formazione diocesana  Giovanni XXIII” di Larino con alcuni amministratori e parroci dei paesi colpiti.
Ribadendo la vicinanza della comunità diocesana alle popolazioni per ogni eventuale iniziativa di supporto e sostegno, dopo un’ampia panoramica su tutta l’area interessata sono state evidenziate le criticità più urgenti e le problematiche soprattutto relative agli edifici di culto e ai complessi parrocchiali.
In base ai primi riscontri e alle risultanze dei sopralluoghi effettuati dagli organi competenti (in corso di aggiornamento) si riporta di seguito l’elenco delle Chiese interessate dalla chiusura temporanea:
  • Acquaviva Collecroce: chiesa di Santa Maria Ester;
  • Castelmauro: chiesa di San Leonardo confessore;
  • Civitacampomarano: chiesa di San Giorgio martire e chiesa di Santa Maria Maggiore
  • Guglionesi: chiesa della Madonna delle Grazie (Castellara), chiesa di Santa Maria Maggiore (parzialmente agibile);
  • Montemitro: cappella di Santa Lucia;
  • Montecilfone: chiesa di San Giorgio Martire;
  • Palata: chiesa di San Rocco;
  • San Felice del Molise: chiesa di Santa Maria di Costantinopoli;
  • Tavenna: chiesa di Santa Maria Incoronata e Santa Maria di Costantinopoli;
A questi edifici di culto si aggiungono alcuni locali parrocchiali e case canoniche. Sono in corso ulteriori sopralluoghi per verificare le condizioni di altre chiese e spazi comunitari. In considerazione del significativo disagio per il servizio religioso i parroci hanno avviato tutte  le iniziative volte a individuare locali alternativi per assicurare le celebrazioni.
Al termine della riunione il Vescovo De Luca e i referenti della Curia diocesana hanno evidenziato alcune proposte in merito alla gestione dell'emergenza e degli interventi necessari:
  • un incontro immediato con il presidente della Regione Molise, Donato Toma, i sindaci e i parroci dei Comuni interessati;
  • grande attenzione a evitare dispersione di energie e risorse al fine di concentrare le attività sulle reali necessità delle popolazioni.
Infine, su richiesta esplicita dei parroci, la Curia vescovile gestirà direttamente tutte le procedure specifiche e tutta la burocrazia per i futuri interventi in modo tale da sollevare gli stessi da incombenze tecniche e burocratiche e velocizzare gli interventi che si renderanno necessari.
pubblicata in data